GLOBUS Genesy 3000 Rehab - 194 programmi.

899,00 IVA inclusa


0
Disponibilità:

Codice prodotto G1036
Categoria > Elettroterapia
Marca Globus
Disponibilità
Disponibilità altri pezzi previo ordine si

Maggiori dettagli

Segnala ad un amico

Altre domande ?

 

GENESY 3000 Rehab


elettrostimolatore globus 3000 rehab per riabilitazione

 


DESCRIZIONE

Il Genesy REHAB fa parte della nuova gamma professionale Globus ed è dedicato in modo specifico ai Professionisti  della Riabilitazione.
Questo elettrostimolatore professionale di ultima generazione beneficia infatti di un nuovo progetto hardware e software che ha implementato le potenzialità d'uso soprattutto per le applicazioni in ambito medico, riabilitativo e fisioterapico.
L'unità, caratterizzata da maggiori dimensioni e da un design ergonomico,  grazie al funzionamento a rete e a batterie,  può essere utilizzata sia come stazione fissa che come unità portatile.
Il Genesy Rehab è lo stimolatore più indicato ed attrezzato  per il trattamento del dolore, per favorire la guarigione dei tessuti e per il trattamento delle disfunzioni neuromuscolari.
Il Sistema è studiato per consentire una riatletizzazione più efficace e rapida degli atleti infortunati e per ridurre, contemporaneamente, la possibilità di nuovi infortuni. I programmi sono studiati espressamente sia per risolvere la fase acuta post-traumatica sia per recuperare gli atleti che dovessero essere sottoposti  ad interventi di chirurgia ricostruttiva.
Completa la dotazione una serie di trattamenti che toccano anche l'area sportiva ed estetica.

6 TIPI DIVERSI DI CORRENTE
Il Genesy REHAB si distingue per la possibilità di erogare tutte le principali correnti di tipo medicale:

Correnti EMS (Electro Muscle Stimulation)
Correnti TENS (Trans Cutaneus Nerve Stimulation) 
Correnti MENS (Micro Current Stimulation)
Correnti  di Kotz con onda sinusoidale
Correnti a onda Triangolare e Trapezoidale per il M. Denervato
Corrente Continua per la Ionoforesi

8 AREE DI APPLICAZIONE
Rieducazione Funzionale (EMS e MENS),
Terapia del Dolore (TENS e MENS),
Terapia Antalgica Endorfinica (TENS e MENS)
Trattamento delle Paralisi del muscolo Denervato
Trattamenti riabilitativi (Kotz)
Trattamento Farmacologico profondo (Ionoforesi)
Allenamento Sportivo di alto livello (EMS)
Trattamenti Estetici (EMS, MENS).
Le tecnologie utilizzate sono le più avanzate e consentono un uso estremamente agevole e sicuro dello stimolatore in ogni situazione terapeutica.

 


Notevole attenzione è stata dedicata per rendere l'uso della macchina più intuitivo ed agevole agli utenti.

FUNZIONI GENERALI

NOVITA' 2013 MENU ELETTROTERAPIA ”EASY PROGRAM”: una sezione dove potete impostare rapidamente  un programma scegliendo i parametri desiderati (tempo, frequenza, parte del corpo) ed effettuare dei trattamenti specifici utilizzando le correnti EMS e Russe (Kotz).

FUNZIONI SPECIALI

MULTI-useR: possibilità di memorizzare fino a 25 utenti diversi e di creare una libreria di programmi personalizzati in funzione degli obiettivi individuali.
MODO AUTOMATICO (AUTO STIM®): consente di eseguire un programma in modo automatico senza dover intervenire manualmente sulla regolazione dell'intensità.
SYNCROSTIM: agendo su un unico tasto è possibile aumentare l'intensità dei 4 canali simultaneamente.
FUNZIONE RUN TIME: questa funzione permette di modificare il tempo, la frequenza e l'ampiezza dell'impulso durante il trattamento. 
PROGRAMMABILE: 15 memorie libere, solo EMS e TENS.
FUNZIONE 2+2: possibilità di eseguire due programmi diversi  contemporaneamente.
PREFERITI: possibilità di memorizzare fino 15 programmi per utente.
LAST 10: memorizza gli ultimi 10 programmi eseguiti.
WORK TIME: indica il tempo totale di utilizzo dell'apparecchio. 
MY TRAINER: visualizza sul display il posizionamento degli elettrodi.
STIM LOCK

DISPLAY GRAFICO RETROILLUMINATO
FUNZIONAMENTO A RETE & BATTERIA
NUOVA BATTERIA DOPPIA POTENZA

 

CARATTERISTICHE TECNICHE

Canali: 4 CANALI indipendenti (8 elettrodi)
Frequenza: 0,3 – 150 Hz
Potenza: 120 mA per canale
Ampiezza d'impulso: 40 – 450 µs
Forma onda: Onda quadra bifasica simmetrica compensata
Alimentazione: Alimentatore 18V – 3.3A
Batteria: 12 V, 2000 mAh
Dispositivo in Classe II A
Display retroilluminato
Conforme alla direttiva 93/42/CEE-2007/47/CEE
 

DOTAZIONE
1 Borsa
1 Stimolatore
4 Cavi per collegamento agli elettrodi
1 Caricabatteria da rete.
4 Elettrodi autoadesivi 50 x 50
4 Elettrodi autoadesivi 50 x 90
1 Manuale operativo dello stimolatore

 


ELENCO PROGRAMMI 

 

REHAB
Caviglie Gonfie
Atrofia Quadricipite
Emiplegia-Arti Superiori
Emiplegia Arti-Inferiori
Recupero Post Intervento LCA
Recupero funzionale arti inferiori
Sclerosi multipla- Ried. caviglia
Sclerosi multipla- Ried. gamba
Sclerosi multipla- Spasmi muscolari
Prevenzione Sublussazione Spalla
Rinforzo Vasto Mediale per Sindrome Patello-Femorale
DOLORE
Tens Antalgico alta frequenza
Osteoartrite Mano
Tens Endorfinica
Dolore post intervento
Dolore Cronico
Dolore alla spalla
Tunnel Carpale
Dolore Trapezio
OsteoArtrite Ginocchio
Tendinite Cuffia Rotatori
Tens Antalgico  bassa frequenza
Dolore muscolare
Compressione del nervo
Dolore Colonna da compressione
Osteoartrite colonna
Osteoporosi colonna
Osteoartrite Anca
Osteoartrite Caviglia
Dolore da lesione muscolo tendinea
Dolore Post-Chirurgico (da fratture ossee e lesione tessuti molli)
Sciatalgia
Lombalgia Cronica
Cervicali
Dolore Acuto post inter. Ernia inguinale
Borsiti-Tendiniti
Lesioni Muscolari
Fratture ossee
Colpo di frusta
Gomito Tennista (Epicondilite)
Osteoartrite
IONOFORESI
Ionoforesi
INCONTINENZA
Incontinenza Mista
Incontinenza da Stress   
Incontinenza URGE
MICROCORRENTI
Epicondilite
Periartrite scap-omerale
Ripristino muscolare
Contusione
Edema
Ulcera pelle
Sciatalgia
Lombalgia
Nevralgia brachiale
Dolore Acuto
Dolore Articolare
Torcicollo
Colpo di frusta
Spondilosi cervicale
Distorsione spalla
Tunnel Carpale
Distorsione ginocchio
Osteoartrite ginocchio
Distorsione caviglia
Inf. Tendine d'Achille
Inf. Tendine Rotuleo
Inf. Cuffia dei rotatori
Inf. Tendinea
DENERVATO
Forma d'impolso Rettangolare 1-2-3
Forma d'impulso Triangolare 1-2-3
Forma d'impulso Trapezioidale 1-2-3
INTERFERENZIALI
Osteoartrite ginocchio       
Lombalgia acuta    
Dolore cervicale 
Lombalgia cronica       
Spalla Congelata
Dolore Post-Chirurgico ginocchio 
MENU ELETTROTERAPIA
In questa sezione potrete facilmente selezionare i parametri per effettuare dei trattamenti utilizzando le correnti Kotz e Ems.
92 programmi
BELLEZZA
Drenaggio      
 Lipolisi             
Massaggio Tonificante
Miglioramento Tono Pelle    
Massaggio Connettivale  
Drenaggio Post-Parto    
Lipolisi Post-Parto     
Rassodamento Post-Parto

 


FAQ 

 

  • Quante sedute di elettrostimolazione si possono effettuare settimanalmente?

    Per quanto riguarda le sedute di preparazione fisica, si consiglia di fare riferimento ai programmi settimanali riportati nel Personal Trainer. Per quanto concerne invece applicazioni di tipo fitness ed estetico il numero di sedute dipende dal tipo di trattamento. Se è di tonificazione, si consigliano 3-4 sedute settimanali a giorni alterni. Se il trattamento è di tipo lipolisi e drenaggio si possono effettuare anche trattamenti quotidiani.

 

  • Dopo quanto tempo si possono vedere i primi risultati?

    I risultati ottenuti in campo estetico sono naturalmente soggettivi. E' possibile affermare comunque che, per quanto riguarda la tonificazione, una frequenza di 3-4 sedute settimanali regolari e costanti possono portare ad un buon risultato già dopo 15 giorni; per i trattamenti di elettrolipolisi e elettrodrenaggio occorrono invece 40 giorni. Risultati migliori e più rapidi si ottengono se i trattamenti vengono abbinati ad una buona attività fisica ed ad un corretto stile di vita.

 

 

 

  • Se quando aumento l'intensità a più di 10 mA l'intensità ritorna immediatamente a 0, cosa é successo?

    Come già descritto nei manuali d'uso, l'apparecchio dispone di un controllo sull'erogazione di corrente. Nel caso in cui si aumenti il valore dell'intensità a più di 10 mA e il circuito sia aperto, l'elettrostimolatore riporta il valore a 0. E' necessario quindi prima di iniziare qualsiasi trattamento, assicurarsi che i cavi siano collegati, che gli elettrodi siano posizionati sulla zona da trattare e che gli stessi non siano troppo usurati in quanto questo comprometterebbe la loro capacità di conduzione. Prima di staccare gli elettrodi dalla pelle si raccomanda di spegnere l'elettrostimolatore.

 

  • Quali elettrodi si devono usare?

    Si consiglia di utilizzare elettrodi autoadesivi che permettono una migliore qualità della stimolazione ed una maggiore praticità d'uso. Con le opportune cure, ad esempio pelle ben pulita, possono essere utilizzati anche per 25 - 30 applicazioni.Gli elettrodi vanno comunque sempre sostituiti nel caso in cui gli stessi non rimangano perfettamente aderenti e a contatto con la pelle.

 

  • Dove devono essere posizionati gli elettrodi?

    In questo manuale, sono riportate le immagini del posizionamento degli elettrodi in tutte le parti del corpo (non é necessario rispettare la polarità indicata). E' sufficiente quindi seguire tali indicazioni. E' possibile tuttavia verificare il corretto posizionamento utilizzando l'apposita penna ricerca punti motori o adottando il seguente metodo empirico: individuare il punto motore spostando l'elettrodo fino alla massima percezione neuromuscolare. Si noterà un aumento o una diminuzione della stimolazione in base alla posizione dell'elettrodo stesso. Una volta individuato il punto in cui la stimolazione è maggiore abbassare a zero (0,0 mA) l'intensità del canale, ricollocarel'elettrodo e incrementare gradualmente l'intensità.

 

  • Utilizzo dei cavetti sdoppiatori e dei cavi sdoppiati

    Consentono di utilizzare più elettrodi con lo stesso canale. Questo permette di lavorare ad esempio sul vasto mediale e sul vasto laterale del quadricipite con lo stesso canale; si potranno quindi utilizzare entrambi i canali sdoppiati ed effettuare contemporaneamente il trattamento per i due arti coinvolgendo 4 muscoli. Si sconsiglia l'uso per applicazioni medicali.

 

 

  • Ci si può far male con l'elettrostimolazione?

    E' difficile procurarsi danni muscolari. Un principio importante da seguire è di aumentare gradualmente l'intensità facendo attenzione al comportamento del muscolo, evitando comunque di mantenere l'arto completamente esteso. In caso di incertezza rivolgersi ad uno specialista.

 


scheda tecnica